A proposito dell'autore

Andrea Buti. Avvocato, Specialista in diritto civile. Docente a contratto presso l’Università degli Studi di Camerino; mediatore e formatore presso ADR Center S.p.A., Ha tenuto corsi di aggiornamento a pubblici dipendenti (Irfod, Asap, Regione Lazio, Corte d’Appello delle Marche, Toscana e Molise, Prefettura di Macerata, Comune di Jesi e Civitanova Marche) sul trattamento dei dati personali, firme elettroniche, documento elettronico, e-government, posta elettronica certificata, accessibilità, computer crimes.

Nel nostro paese c’è una grande produzione normativa; ci sono leggi, regolamenti e provvedimenti che disciplinano moltissimi aspetti della nostra vita.

L’ambito informatico non fa eccezione: in meno di 10 anni si sono stratificate normative complesse, non sempre lineari o coordinate, che rendono difficile anche solo capire l’evoluzione e scovare le norme effettivamenet in vigore.

Come se non bastasse, le leggi..non sono algoritmi… e, quindi, non posso essere applicate come un software facendole processare da un hardware. Al contrario, debbono essere interpretate e il margine di capire fischi per fiaschi è dunque.. piccolo o grande.. a seconda della conoscenza di chi le esamina…

Doppio problema: chi scrive le leggi in materia di ICT e chi le interpreta e le applica (avvocati e giudici) conosce – di solito – molto poco gli aspetti tecnici; gli informatici, al contrario, non hanno studiato giurisprudenza…

Soluzione.. ? Definitiva..non saprei..

Ma qualcosa di limitato e relativo questo eBook la offre: scritto in italiano e non in giuridichese, cerca di rendere comprensibile anche a chi il diritto non l’ha studiato e che, purtroppo lo subisce sulla propria pelle, i principali problemi connessi ad un ambito specifico. Quello della sicurezza informatica applicata all’Amministratore di Sistema “creato” dal provvedimento del garante del 2008.

Post correlati

Close
Entra in contatto con altri professionisti ICT, seguici su Facebook e Twitter: