A proposito dell'autore

Quorum PR è una agenzia che offre servizi di consulenza nell’area della Marketing Communication e delle Relazioni Pubbliche, con un particolare focus sul mondo ICT, sia B2B che B2C.

Questo è un Comunicato Stampa pubblicato tramite ICTPress, il servizio professionale di AreaNetworking.it per la pubblicazione e la diffusione dei comunicati stampa ICT. Clicca qui per approfondire.


Extreme Networks (NASDAQ: EXTR) annuncia i nuovi moduli ad altissima densità 40GbE e 100GbE per il proprio core switch Open Fabric BlackDiamond X8, che offrono la massima scalabilità disponibile sul mercato con un milione di connessioni, macchine virtuali e flussi di dati in rete. Extreme Networks annuncia inoltre il supporto delle applicazioni Software Defined Networking (SDN) di Big Switch Networks, che forniscono dei metodi progressivi e centralizzati per il monitoraggio e la virtualizzazione delle reti.

I moduli Extreme Networks 100/40GbE XL permettono di scalare le reti per un’ampia gamma di applicazioni che vanno dai grandi data center virtualizzati multi-utente, agli Internet Exchange Points (IXP) e ai data center corporate di gandi dimensioni. La possibilità di arrivare fino a un milione di connessioni, indirizzi e flussi, e segmentare in modo logico le reti multi-utente all’interno dei domini di broadcast di Livello 2 sono fattori di importanza critica per la realizzazione della prossima generazione di reti per i data center.

Extreme Networks, grazie al suo sistema operativo aperto e modulare ExtremeXOS, continua a perseguire la propria strategia SDN con il supporto di due applicazioni SDN di Big Switch Networks: Big Tap, che fornisce il monitoraggio del traffico e la visualizzazione dinamica della rete grazie al filtraggio dei flussi, e Big Virtual Switch per le reti dei data center virtualizzati, che virtualizza l’infrastruttura segmentando la rete fisica in più reti logiche attraverso tutto lo stack, dal Livello 2 al Livello 7.

I nuovi moduli Extreme Networks 100GbE con 4 porte e 40GbE con 12 porte offrono prestazioni avanzate e ampie opzioni per i data center virtualizzati, dove la densità, l’efficienza energetica e le prestazioni hanno un’importanza strategica. I due moduli supportano velocità di 100GbE & 40GbE con prestazioni wire-speed per i servizi Livello 2/3, liste di controllo degli accessi sempre per i Livelli 2/3, e flessibilità dei flussi con il supporto di cavi ottici 100G-SR (100m) e 100G-OR (10Km). Questo rappresenta un aumento scalare delle tavole supportate attraverso un aggiornamento della TCAM (Ternary Content Addressable Memory, memoria ternaria indirizzabile per i contenuti), con fault tolerance e ridondanza per alimentazione N+1.

“Infonetics prevede una crescita dei prodotti 40GbE nel breve periodo e di quelli 100GbE nel medio e lungo periodo, con un fatturato complessivo che arriverà a 1,4 miliardi di dollari nel 2016, trainati dal cloud e dalle reti dei data center virtualizzati che vengono usate sempre più spesso per l’hosting dei servizi a valore, dello storage e dei video”, afferma Sam Barnett, analista di Infonetics. “L’ingresso di vendor come Extreme Networks, che offrono maggiore scalabilità e densità per 40/100GbE con i loro core switch per data center, aumenta la flessibilità dei progetti di virtualizzazione delle reti e le prestazioni e la capacità disponibili per i data center delle aziende e dei service provider, i servizi di hosting nel cloud e gli Internet Exchange”.

Il BlackDiamond X8 è stato appena insignito dei premi Tech Innovator of the Year dalla rivista CRN, e ‘Data Center Product of the Year’ 2012 dalla rivista inglese Network Computing.

“La prossima generazione della rete degli Internet Exchange ECIX ha bisogno di innovazione a tutti i livelli”, afferma Stefan Wahl, CEO di Peering e Managing Director di ECIX. “Le opzioni fornite da Extreme Networks si sposano perfettamente con le nostre esigenze, dato che le funzioni innovative degli switch BlackDiamond X8 e Summit X670 permettono di ottenere una eccellente scalabilità senza dover apportare costose modifiche all’infrastruttura dei data center. L’elevata densità delle porte”, continua Wahl, “e la disponibilità di 40GbE e 100 GbE, insieme alla riserva per slot consentita dalle avanzate prestazioni dell’engine dello switch e alla possibilità di usare MPLS nella rete riducono i costi e gli spazi necessari per le nostre location, e tutto questo rappresenta un vantaggio anche per i nostri clienti. I sistemi Extreme Network già installati rappresentano la base per un’espansione dei servizi dell’ECIX e aprono la strada al futuro senza costringerci a nessun tipo di compromesso nel presente”.

L’evoluzione è il seguito logico della leadership in termini di prestazioni da parte di Extreme Networks nel test effettuato a novembre 2011 da Lippis Report sugli switch modulari per data center. Lo switch BlackDiamond X8 Open Fabric ha fornito la più alta densità delle porte 10GbE e 40GbE per supportare fino a 768 server connessi a 10GbE wire-speed in 1/3 di rack da 42 unità, oppure fino a 2.304 server in un rack da 42 unità.

Disponibilità: I test a livello utente dei moduli ad altissima densità da 12 porte a 40 e da 4 porte a 100GbE XL inizieranno nel corso del primo semestre del 2013.

Ulteriore documentazione ai link seguenti:

Report Lippis: http://dl.dropbox.com/u/116590/lippis-extreme.pdf

Presentazione Extreme: http://dl.dropbox.com/u/116590/extreme-openfabricpresentation.pdf

White Paper Extreme: http://dl.dropbox.com/u/116590/extreme-cloudscalenetworkswhitepaper.pdf

Quick Report LightReading (società di ricerca): http://dl.dropbox.com/u/116590/lightreading-extreme.pdf

Close
Entra in contatto con altri professionisti ICT, seguici su Facebook e Twitter: