A proposito dell'autore

E' Founder & Executive di AreaNetworking.it, uno dei maggiori punti di riferimento online del settore ICT ed il più grande Cisco Users Group ufficiale in Italia. E' fondatore e presidente di Tesla Club Italy, club ufficiale italiano per appassionati e possessori Tesla. E' stato l'ideatore & Event Director del festival ICT e Business Development Manager in Smau. Owner di CiscoForums.it. Amministratore di Lagni Group Srls.

Il titolo è chiaro. Google ha annunciato di essere in fase di progettazione di una rete in fibra ottica con l’obiettivo di offrire fino a 1 Gbit/s di banda larga il alcune città degli Stati Uniti. E’ una notizia di un certo peso e non tanto per la quantità di banda ma proprio perchè è un progetto di Google. La prima domanda che ci sorge? E’ oggettiva: cosa centra Google con la banda larga e le connettività Internet?

La risposta è semplice ma interessante: Google vuole progettare e costruire non un servizio fine a se stesso bensì conduttore per altre idee. Sembra proprio infatti che Google abbia in mente una serie di prodotti/servizi di gran lunga innovativi e necessitanti, a livello fisico, di una banda cospicua.

Non essendoci, nemmeno negli USA, una banda come Google vorrebbe, sta pensando lei stessa a soddisfare i propri requisiti.

L’inizio del Comunicato di Google recita: “Immagina di essere in una clinica medica e di partecipare allo streaming tridimensionale di immagini via Web, discutendo con uno specialista a New York. Oppure di scaricare un film di alta qualità in meno di cinque minuti. Oppure ancora di collaborare con i tuoi compagni di classe sparsi per il mondo guardando live un video in 3D di una lezione universitaria.“.

Non è ancora chiaro se sarà direttamente Google ad offrire l’accesso diretto oppure se il tutto verrà “commissionato” ai provider. Di conseguenza, non è ancora chiaro se i provider devono iniziare a preoccuparsi, visto una concorrenza da miliardi di dollari, oppure se devono esserne contenti per il nuovo business che potrebbe presentarsi.

Un video interessante:



  • Pingback: Pcimprover.it()

Close
Entra in contatto con altri professionisti ICT, seguici su Facebook e Twitter: