A proposito dell'autore

infDa oggi i sistemi di storage ESVA, EonStor DS, e EonNAS di Infortrend offrono il pieno supporto alle unità SSD, permettendo così alle PMI ed alle aziende di livello enteprise che già lavorano con configurazioni SAN, NAS o DAS di ottimizzarne le prestazioni ed incrementarne l’affidabilità.

Il direttore dello sviluppo prodotti di Infortrend Thomas Kao, in una nota, sottolinea come “il calo di prezzo delle unità SSD li rende più appetibili in un mercato dello storage alla continua ricerca di alte prestazioni ed affidabilità, grazie alla resistenza alle vibrazioni e ad altri tipi di problemi che affliggono i tradizionali dischi fissi. Infortrend intende dare un ulteriore slancio alla diffusione dei dischi a stato solido rendendoli disponibili sul maggior numero di storage array possibile per venire incontro alla continua domanda dei data center.”

Nei sistemi ESVA, le soluzioni di storage di Infortrend di fascia mid-range, le unità SSD possono essere integrate in modo efficiente grazie all’architettura di storage tiering automatico. L’utilizzo di unità SSD all’interno di infrastrutture con sistemi di archiviazione a più livelli (tiered storage), permette di raggiungere un incremento prestazionale e senza costi aggiuntivi, pari ad oltre il 150% se paragonato ai sistemi di storage non-tiered tradizionali

I sistemi EonStor DS rappresentano le soluzioni di storage entry-level sviluppate per le PMI, ed offrono una comprovata e completa protezione dei dati. Le soluzioni di storage unificato EonNAS sono invece dedicate alle aziende enterprise mid-range ed alle PMI e si prestano all’utilizzo di applicazioni file- e block-based.

 Infortrend supporta le unità a disco solido SSD dei maggiori produttori mondiali inclusi Intel, STEC e Hitachi, disponibili con differenti capacità .

Per maggiori informazioni a proposito della disponibilità delle unità SSD in abbinata alle soluzioni di storage Infortrend è possibile visitare il sito www.infortrend.com

Close
Entra in contatto con altri professionisti ICT, seguici su Facebook e Twitter: