A proposito dell'autore

Trent'anni, sistemista Unix, specializzato su Solaris, sistema Operativo di casa Sun. Attualmente lavora come consulente presso una delle aziende sanitarie presenti sul territorio italiano. Certificato Sun SCSA (Solaris Certified System Administrator) e Sun SCNA (Solaris Certified Network Administrator), è responsabile dei sistemi cluster Sun SPARC Midrange, e della Storage Area Network FC presenti nei CED dell'azienda. Attualmente studia per conseguire la certificazione Sun Cluster 3.2 Administrator. In passato ha lavorato in ambito networking presso varie realtà prevalentemente su apparati Cisco e Nortel. Ha frequentato l'Academy CCNA e Fundamentals of Wireless, e cerca di mantenere vive le conoscenze acquisite in quest'ambito, nonostante la sua predilezione per l'ambito sistemistico Unix e la passione per Solaris siano la sua prima scelta.

Rifacendo un cluster con un vecchio JBOD scsi come shared storage, sono incorso in un conflitto di target ID nella catena scsi tra lo storage sharato e i due nodi.

In questo tipo di configurazione, uno dei due nodi va configurato ad hoc, agendo su alcuni parametri in OBP, in modo da evitare appunto conflitti.

Questo passaggio l’ho fatto già diverse volte, non tantissime, visto che per lo più capita di lavorare su devices fiber-channel, ma abbastanza da essere routine.

Si tratta di agire sulla variabile scsi-initiator-id di un nodo, portando il valore dal default (7) a 6, e poi inserire uno script in nvramrc, abilitandone l’uso mettendo a true use-nvramrc?. Questo in spiccioli aggira il conflitto tra gli HBA dei due nodi dandogli ID diversi, e poi al caricamento di Solaris, risetta in modo trasparente l’ID. Fatto.

Booto. Parte. Uno sfacelo. Decine di errori con molto poco senso, che tutto dicono, tranne quello che è ovvio (vabbè, l’ho esagerata, il loro senso lo hanno).

C’è da dire, che avevo già installato Solaris10 via flar sui nodi, e anche Sun Cluster che era in installmode, in attesa che designassi una DID come quorum.

Dopo un pò di riavvii stressanti e di set-defaults di OBP e rifacimento dei settaggi di cui sopra, mi illumino. Booto un solo nodo, lo booto -xvsr e osservo:
manca la dichiarazione “Scsi initiator ID is now 6”. Viene bypassato, il trucco non viene implementato.

Disabilito il parsing di nvramrc settando a false “use-nvramrc?”.
Ribooto … nulla.
STOP-A brutale! Spengo lo storage. Do un reset-all. Ribooto.
Lo vedo: “Scsi initiator ID is now 6” !!
Poweroff … accendo il JBOD … accendo il nodo … boot -v
Pare andare. Accendo l’altro nodo … TUTTO OK!!!
Riabilito use-nvramrc? . Riavvio i nodi, tutto va.

Morale della favola:
le modifiche vanno implementate a storage spento (magari prima di installare Solaris, ma non è mandatorio come ho letto in alcuni documenti sull’argomento).
Dopo le modifiche è bene dare un reset-all. Provare che la configurazione venga usata. Spegnere e riavviare a storage acceso. Avviare l’altro nodo per avere conferma.

Post correlati

Close
Entra in contatto con altri professionisti ICT, seguici su Facebook e Twitter: