A proposito dell'autore

E' Founder & Executive di AreaNetworking.it, uno dei maggiori punti di riferimento online del settore ICT ed il più grande Cisco Users Group ufficiale in Italia. E' fondatore e presidente di Tesla Club Italy, club ufficiale italiano per appassionati e possessori Tesla. E' stato l'ideatore & Event Director del festival ICT e Business Development Manager in Smau. Owner di CiscoForums.it. Amministratore di Lagni Group Srls.

oraclesun E’ da qualche mese che la fusione tra i due big dovrebbe essere stata fatta. Invece ad oggi, dopo uno squillante stop da parte della Commissione Europea, l’operazione è ancora ferma. Da Bruxelles arriva infatti un altro rinvio: se ne parlerà il 27 Gennaio prossimo. Il tutto è motivato da un potenziale conflitto d’interessi e relativa monopolizzazione del mercato dei database. Oracle, infatti, con l’acquisizone di SUN Microsystems (e quindi anche di MySQL) si assicurerebbe una posizione altamente strategica nel mercato. Non per niente, infatti, l’Antitrust europea ha bloccato l’operazione per “indagare” sulle relative intenzioni e conseguenze. Al contratrio, negli USA l’Antitrust non ha posto nessuna obiezione.

La famosa acquisizione dovrebbe essere avvenuta a Settembre. In seguito, però, sono iniziati i controlli e le verifiche su tutte le fasi dell’acquisizione ma soprattutto su cosa, un movimento di questo tipo, potesse arrecare al mercato globale.

Dopo questo ulteriore ritardo, attendiamo un ulteriore sviluppo su tutta la vicenda. Oracle ha già rigettato tutte le obiezioni e, essendo proprio MySQL il punto cruciale dell’acquisizione, si è già difesa dicendo che lo stesso MySQL, essendo OpenSource, non può essere controllato da nessuno, “loro” compresi.

In generale, comunque, molti importanti esponenti del mondo OpenSource si sono mobilitati (e stanno continuando a farlo) perchè ritengono MySQL in netto “pericolo” e si appellano proprio all’Unione Europea per cercare di contrastare a pieno titolo l’acquisizione così come è stata presentata.

Post correlati

Close
Entra in contatto con altri professionisti ICT, seguici su Facebook e Twitter: