A proposito dell'autore

Titolare Agenzia comunicazione attiva settore IT dal 1992

Questo è un Comunicato Stampa pubblicato tramite ICTPress, il servizio professionale di AreaNetworking.it per la pubblicazione e la diffusione dei comunicati stampa ICT. Clicca qui per approfondire.


Rivolta inizialmente ai clienti del settore education, la collaborazione nasce per permettere
lo spostamento nella cloud dei carichi di lavoro delle applicazioni desktop e offrire maggiori possibilità alle organizzazioni che vogliono spostare i carichi di lavoro locali nei data center

SP3D_AZURESan Jose, CA — 16 marzo 2015 — Sphere 3D Corporation (NASDAQ:ANY), l’azienda che ha creato Glassware 2.0™,la tecnologia container per Windows pensata per la distribuzione delle applicazioni, ha annunciato una collaborazione strategica finalizzata a supportare Glassware 2.0 su Microsoft Azure.

Lavorando insieme, Sphere 3D e Microsoft metteranno a disposizione gli strumenti per semplificare e velocizzare la migrazione cloud delle applicazioni di end user computing basate su Windows dall’infrastruttura fisica ad Azure. La tecnologia container Glassware 2.0 su Azure aiuterà i clienti aziendali a seguire uno dei princìpi guida del cloud: semplificare l’infrastruttura IT.

“Quando abbiamo creato Glassware 2.0, abbiamo immaginato un’epoca in cui qualsiasi applicazione, indipendentemente da qualunque l’hardware o da legami operativi, potesse essere facilmente distribuita su piattaforme diverse tramite cloud,” ha detto Eric Kelly, CEO di Sphere 3D. “Oggi, unendo le nostre forze a quelle di Microsoft, abbiamo fatto un sostanziale passo avanti verso la realizzazione di quella visione.”

Come recentemente emerso da un’indagine realizzata da Rightscale, meno del 20% delle applicazioni aziendali gira oggi su cloud. La tecnologia di containerizzazione Glassware 2.0 offre la possibilità di virtualizzare tutte quelle applicazioni in precedenza ritenute troppo difficili da spostare su cloud. L’utilizzo della tecnologia container Glassware 2.0 può contribuire a ridurre costi e complessità legati alla migrazione dalle workstation locali al data center.

“Il nostro impegno è quello di offrire ai nostri clienti nuove e innovative modalità di implementazione della loro strategia cloud,” ha detto Vibhor Kapoor, Director, Microsoft Azure Product Marketing. “Lavorando a stretto contatto con Sphere 3D potremo continuare su questa strada e offrire nuovi livelli di flessibilità a quelle organizzazioniche sono alla ricerca di una modalità scalabile per la distribuzione applicativa dalla cloud.”

Nella fase iniziale, i carichi di lavoro Glassware 2.0 su Azure saranno orientati alle esigenze del mondo education e saranno disponibili tramite una selezione di partner autorizzati. Nel corso del 2015 si vedranno ulteriori casi applicativi e una disponibilità più ampia, con l’obiettivo di garantire una migrazione delle applicazioni su Azure semplice ed efficiente.

Informazioni su Glassware 2.0
Glassware 2.0 utilizza una tecnologiaproprietaria per ottenere la virtualizzazione delle applicazioni senza la necessità di virtualizzare l’intero desktop. La famiglia di tecnologie Glassware 2.0 si compone di protocollo, microvisor, container, sistema di gestioneeclustering.Glassware 2.0 utilizza i container per far girare istanze multiple della stessa applicazione su un server o un’appliance compatibile e offre la possibilità di condividere file binari, librerie o il Microvisor. All’interno di questi container, Sphere 3D consente l’accesso esclusivamente agli elementi del sistema operativo indispensabili all’applicazione per poter funzionare correttamente. Questa tecnologia può comprendere applicazioni che utilizzano una vasta gamma di sistemi operativi basati su Windows, come Windows Xp, Windows 7, Windows 8 e così via.

Informazioni su Sphere 3D
Sphere 3D Corporation (NASDAQ: ANY) è un fornitore di soluzioni tecnologiche per la virtualizzazione e la gestione dei dati con un portfolio di soluzioni specializzate e ottimizzate in base ai carichi di lavoro che risponde a tutte le esigenze di distribuzione e gestione dell’IT, comprese quelle legate alla continuità dei dati, da quelli attivi a quelli archiviati. Impegnata in una continua leadership perseguita attraverso l’innovazione, Sphere 3D consente di integrare applicazioni virtuali, desktop virtuali e storage in un unico flusso di lavoro, permettendo alle organizzazioni di implementare una combinazione di strategie per il cloud pubblico, privato o ibrido. La piattaforma Glassware 2.0™ di Sphere 3D offre virtualizzazione ad alcune delle più esigenti applicazioni oggi presenti sul mercato, semplificando lo spostamento delle applicazioni stesse da un PC o da una workstation fisica a un ambiente virtuale. Le soluzioni di infrastruttura convergente V3 di Sphere 3D comprendono una delle prime appliance al mondo specializzate nella virtualizzazione e il software di gestione Desktop Cloud Orchestrator per le VDI. Overland Storage e Tandberg Data, società interamente controllate da Sphere 3D, offrono una gamma integrata di tecnologie e servizi per lo storage dei dati (primari, nearline, offline e da archiviare) tramite i loro marchi per l’archiviazione, la gestione e il backup dei dati che semplificano e rendono conveniente la gestione di livelli di informazione diversificati durante il ciclo di vita dei dati. Maggiori informazioni sono disponibili all’indirizzo www.sphere3d.com.

Overland Storage, SnapServer, SnapScale, SnapSAN e NEO – marchi registrati di Overland
Storage, Inc.- e Tandberg Data e RDX – marchi registrati di Tandberg DataHoldings, S.àr.l. – sono marchiche possono essere registrati in alcune giurisdizioni.Tutti gli altri marchi registrati appartengono ai rispettivi proprietari.

Safe Harbor Statement
Questo comunicato stampa contiene dichiarazioni previsionali per loro natura soggette a rischi, incertezze e ipotesi di difficile valutazione. I risultati effettivi e la tempistica degli eventi potrebbero differire sostanzialmente da quelli anticipati in queste dichiarazioni previsionali a causa di rischi e incertezze che comprendono, senza alcuna limitazione: cambiamenti imprevisti nel corso delle attività di Sphere 3D o delle attività delle società interamente controllate, comprese, senza alcuna limitazione, Overland Storage e Tandberg Data; qualunque incremento delle esigenze di cassa di Sphere 3D; possibili azioni da parte di clienti, fornitori, concorrenti o autorità di controllo nei confronti di Sphere 3D; altri rischi descritti di volta in volta nelle relazioni periodiche di Sphere 3D e depositate presso la SEC, compresi, senza limitazioni, i rischi descritti nel Modulo F-4/A relativo alla fusione con Overland e depositato da Sphere 3D presso la SEC. A seguito di nuove informazioni, sviluppi futuri o altro, Sphere 3D Corporation non si assume alcun obbligo di aggiornamento delle dichiarazioni previsionali, siano essa orali o scritte, fatte nel corso del tempo.

Contatti:
Paolo Rossi
Channel Sales Manager
Mob. +39 388 3459136
paolo.rossi@tandbergdata.com

UfficioStampa Italia
Cynthia Carta ADV.
Tel. 0363563244 – Mob. 3385909592
cyncarta@cynthiacartaadv.it
www.cynthiacartaadv.it

Post correlati

Close
Entra in contatto con altri professionisti ICT, seguici su Facebook e Twitter: