A proposito dell'autore

Titolare Agenzia comunicazione attiva settore IT dal 1992

Questo è un Comunicato Stampa pubblicato tramite ICTPress, il servizio professionale di AreaNetworking.it per la pubblicazione e la diffusione dei comunicati stampa ICT. Clicca qui per approfondire.


Le appliance semplici, scalabili e ottimizzate in base ai carichi di lavoro portano il cloud completo a tutti, dalle Piccole e Medie Imprese (PMI) alle grandi aziende

overland_storage_v3_vdi_prSAN JOSE, CA – 26 febbraio 2016 – Sphere 3D Corp. (NASDAQ: ANY), fornitore di soluzioni per l’organizzazione in container, la virtualizzazione e la gestione dei dati, ha annunciato la nuova generazione delle soluzioni per applicazione e desktop virtuali V3. Tre nuove famiglie di appliance proposte con il software Desktop Cloud Orchestrator™ (“DCO”) di Sphere 3D hanno l’obiettivo di rendere la VDI accessibile ad aziende e uffici locali di ogni dimensione. Su questi sistemi convergono storage, server e servizi di virtualizzazione creando appliance in grado di scalare orizzontalmente e verticalmente come mai accaduto prima, consentendo l’uso della VDI con tutti i tre modelli di cloud: Privato, Pubblico e Ibrido. Le nuove famiglie si dividono in tre categorie: V3 Smart Node per le sedi centrali di grandi imprese; V3 End User Computing (EUC) Node per siti decentralizzati e uffici remoti e filiali (ROBO: Remote Office, Branch Office); e V3 Flex Node per le aziende e gli uffici più piccoli, anche limitati a una decina di utenti.

“La nuova famiglia di appliance amplia la nostra piattaforma V3 per rispondere alle esigenze delle aziende moderne e delle molte modalità con cui i loro dipendenti utilizzano la tecnologia,” ha detto Peter Bookman, Global Strategist di Sphere 3D. “Nel mondo reale vediamo aziende che sono distribuite su numerosi siti di varie dimensioni e con lavoratori che hanno esigenze tecnologiche molto diversificate. Il lavoro che abbiamo fatto per migliorare il nostro software DCO ci ha permesso di creare nuove architetture per la VDI. Grazie ad appliance specializzate e complementari, nonché ottimizzate in base ai carichi di lavoro, le aziende possono scegliere il dispositivo, o il gruppo di dispositivi, V3 più adatto a supportare numero e tipologia di impiegati di ogni sito. Questo nuovo approccio alla VDI è l’espressione fisica della nostra visione di un’architettura cloud completa, che comprende la cloud ibrida distribuita per i desktop virtuali, le applicazioni virtuali e lo storage dei dati.”

Le nuove funzionalità della famiglia di prodotti V3 comprendono:

• Architettura multi-sito. Le appliance V3 sono progettate per essere utilizzate in aziende con più sedi e sono così convenienti e semplici da poter essere adottate in quasi tutti i siti aziendali. Grazie alla capacità di failover da sito a sito, l’architettura di cloud ibrido distribuito diventa sempre più affidabile all’aumentare del numero delle sedi.
• Dimensionate correttamente e ottimizzate in base ai carichi di lavoro. Le appliance V3 offrono opzioni senza eguali per rispondere a esigenze che vanno dai carichi di lavoro basati su singole attività (come quelli generati dalle applicazioni più semplici) fino a quelli che nascono da applicazioni e desktop di altissimo livello (come quelli generati dalle applicazioni più complesse). L’architettura di V3 è quindi flessibile al punto che l’imprenditore può facilmente cambiare e far crescere dimensionalmente la sua VDI in base all’evoluzione delle esigenze senza bisogno di sostituire gli investimenti già realizzati nell’infrastruttura esistente.
• Semplice da implementare e da gestire. Sphere 3D utilizza il software DCO per creare appliance specifiche semplici da installare e gestire. Dopo l’implementazione iniziale, la manutenzione corrente di desktop e applicazioni virtuali può essere affidata agli amministratori dei desktop. Inoltre, abilitando specifiche funzionalità di storage locale, le appliance V3 offrono un’esperienza utente più veloce ed efficiente rispetto a qualunque altro desktop fisico o virtuale. DCO è una soluzione complementare rispetto alla gestione della virtualizzazione esistente e in quanto tale è tra le prime a integrare e sfruttare le nuove funzionalità di VMware Horizon.
• Compatibile con Glassware 2.0 e SNAP. La famiglia di appliance V3 si integra con la linea di prodotti della G-Series, che utilizzano Glassware 2.0™. Questa tecnologia può ridurre in modo significativo le dimensioni e il costo delle appliance erogando le più utilizzate applicazioni desktop Windows in modo più efficiente dal punto di vista dello sfruttamento delle risorse e aumentando l’ecosistema di applicazioni disponibili per la virtualizzazione. Aggiungendo all’offerta la famiglia di storage SNAP, gli utenti possono beneficiare di storage ibrido e distribuito. La combinazione di queste tecnologie permette di erogare desktop e applicazioni con una flessibilità mai vista prima.

La nuova generazione della famiglia di prodotto V3 per il Cloud Completo comprende:

• V3 Smart Node – Sono progettati per incrementare l’efficienza “scale-up”, rientrando esattamente nel modello di iper-convergenza attraverso la tecnologia VSAN di VMware per lo storage organizzato in cluster. La presenza di un file system condiviso dalle appliance V3 Smart Node permette di raggiungere la maggiore efficienza del modello “scale-up” nei sistemi convergenti. Queste soluzioni sono pensate per grandi uffici centrali, come i data center o le sedi principali delle aziende. Sfruttando le nuove funzionalità di VSAN, come i cluster estesi, gli Smart Node offrono una piattaforma per architetture ibride distribuite molto più semplici e complete di quanto prima disponibile.
• V3 End User Computing (EUC) Node – Sono progettati per essere utilizzati sia in siti singoli sia in luoghi diversi, compresi uffici remoti e filiali (ROBO: Remote Office, Branch Office). Per iniziare con gli EUC Node basta un singolo nodo. Questa categoria è il cavallo di battaglia dell’architettura di V3 ottimizzata in base ai carichi di lavoro. I V3 EUC Node, grazia alla loro esclusiva capacità di gestire il failover da sito a sito, creano una rete di siti distribuiti che diventa sempre più affidabile mano a mano che cresce il loro numero. Questa nuova flessibilità significa che se cambiano le esigenze, cosa inevitabile per qualunque azienda, l’imprenditore non si trova a dover ripensare tutta l’architettura IT. I V3 EUC Node consentono di far crescere l’infrastruttura di desktop, applicazioni e storage in base alle necessità.
• V3 Flex Node – Sono progettati per le sedi di dimensioni più contenute, anche limitati a una decina di utenti. Oltre ad abbassare il costo dell’infrastruttura tecnologica per rispondere alle esigenze dell’ufficio, i V3 Flex Node sfruttano il layer per la gestione delle policy di VMware per offrire agli utenti il meglio di diverse esperienze. I V3 Flex Node offrono accesso locale agli spazi di lavoro senza accesso a Internet e possono utilizzare la tecnologia VMware per offrire desktop virtuali offline che possono essere utilizzati indipendentemente dalla disponibilità di una connessione di rete. I V3 Flex Node possono essere distribuiti su più siti utilizzando il software di gestione V3 DCO.

Tutte le tre famiglie di prodotto sfruttano il software DCO di Sphere 3D e la configurazione flessibile delle appliance per consentire installazioni a singolo nodo per rispondere alle esigenze di carichi di lavoro di ogni tipo e dimensione, indipendentemente dal luogo in cui si trovano. Questo nuovo approccio alle appliance offre semplicità di installazione e gestione, mantenendo la capacità di scalare da decine a decine di migliaia di utenti. Maggiori informazioni sull’architettura V3 ottimizzata in base ai carichi di lavoro e sulla famiglia di prodotti V3 sono disponibili alla pagina web dedicata ai V3 ottimizzati in base ai carichi di lavoro e alla pagina web dedicata alle funzionalità delle appliance V3.
Sphere3DV3Slide2
Informazioni su Sphere 3D
Sphere 3D Corp. (NASDAQ: ANY) fornisce tecnologie per l’organizzazione in container e per la virtualizzazione, nonché prodotti per la gestione dei dati che si traducono in soluzioni ottimizzate per carichi di lavoro specifici. Tutto questo è possibile attraverso una combinazione di applicazioni organizzate in container, desktop virtuali, storage virtuale e piattaforme fisiche iper-convergenti. La “value proposition” di Sphere 3D è semplice e diretta: permettere alle organizzazioni di implementare una combinazione di strategie di cloud pubblico, privato o ibrido offrendogli soluzioni di storage allo stato dell’arte. Sphere 3D, insieme alle società interamente controllate Overland Storage e Tandberg Data, dispone di un ampio portfolio di marchi, tra cui Glassware 2.0™, SnapCLOUD™, SnapScale®, SnapServer®, V3, RDX® e NEO®. Maggiori informazioni sono disponibili all’indirizzo www.sphere3d.com.

Safe Harbor Statement
Questo comunicato stampa contiene dichiarazioni previsionali per loro natura soggette a rischi, incertezze e ipotesi di difficile valutazione. I risultati effettivi e la tempistica degli eventi potrebbero differire sostanzialmente da quelli anticipati in queste dichiarazioni previsionali a causa di rischi e incertezze che comprendono, senza alcuna limitazione: cambiamenti imprevisti nel corso delle attività di Sphere 3D o delle attività delle società interamente controllate, comprese, senza alcuna limitazione, Overland Storage e Tandberg Data; qualunque incremento delle esigenze di cassa di Sphere 3D; il livello di successo delle nostre collaborazioni e partnership aziendali; possibili azioni da parte di clienti, partner, fornitori, concorrenti o autorità di controllo nei confronti di Sphere 3D; altri rischi descritti di volta in volta nelle relazioni periodiche di Sphere 3D contenuti nel nostro Annual Information Form e in altri documenti depositati presso l’autorità di controllo canadese (www.sedar.com) e nei precedenti report periodici depositati presso la Securities and Exchange Commission statunitense (www.sec.gov). A seguito di nuove informazioni, sviluppi futuri o altro, Sphere 3D Corporation non si assume alcun obbligo di aggiornamento delle dichiarazioni previsionali, siano essa orali o scritte, fatte nel corso del tempo, eccetto quanto previsto dalla legge.

Tutti i nomi di prodotto o di azienda citati in questo documento possono essere marchi registrati dai rispettivi proprietari

Contatti:
Paolo Rossi
Channel Sales Manager
Mob. +39 388 3459136
paolo.rossi@tandbergdata.com
Ufficio Stampa Italia
Cynthia Carta ADV.
Mob. 3385909592
cyncarta@cynthiacartaadv.it
www.cynthiacartaadv.it
Sphere 3D:
Tina Brown
Tina.brown@sphere3D.com
1-408.283.4731

Post correlati

Close
Entra in contatto con altri professionisti ICT, seguici su Facebook e Twitter: