A proposito dell'autore

Senior Storage Engineer

- BS in Computer Science - Debian supporter - Storage Engineer - Developer - IT Evangelist

Introduzione

In questo articolo illustrerò come effettuare l’importazione di una VM in formato OVF (Open Virtualizaton Format) su una VMware ESXi 4.1.0 (build 260247) attraverso l’ausilio dell’utility da linea di comando denominata OVF Tool 2.0.1 (build 260188) che serve proprio al nostro scopo (ricordando che è utilizzabile con diversi prodotti VMware).

Iniziamo

Prima azione (premettendo che la faze zero è il download e l’installazione del tool sul proprio OS windows o linux che sia) da eseguire consiste nella creazione del nostro file OVF a partire dal file .vmx della VM:

ovftool Debian.vmx Debian.ovf

l’output dell’elaborazione sarà il seguente (questa operazione ci impiegherà un pò di tempo):

Opening OVF source: Debian.ovf
Opening VI target: vi://user@ip_esxi/
Deploying to VI: vi://user@ip_esxi/
Disk progress: 0%

alla fine di questo processo avremo il nostro file OVF pronto per l’importazione ma prima
eseguiamo il comando sottostante per ottenere un poco di info (niente di particolare):

ovftool Debian.ovf

Opening OVF source: Debian.
OVF version:   1.0
Name:          Debian

Download Size:     2.29 GB

Deployment Sizes:
  Flat disks:     15.00 GB
  Sparse disks:    5.53 GB

Networks:
  Name:        bridged
  Description: The bridged

Virtual Hardware:
  Family:       vmx-07
  Disk Types:   SCSI-lsilog

Completed successfully

Andremo adesso a importare la nostra VM con estensione .ovf da una cartella locale verso la nostra ESXi, faccio presente che l’ovf tool supporta protocolli quali Http, Https, Ftp quindi in via generale il nostro file ovf di origine potrebbe anche essere risiedere in una sorgente che non sia un path locale, in generale la sintassi da utillizare è la seguente:

protocol://utente:password@host:porta/

utilizzando la sintassi per i path locali utilizzeremo la nomenclatura file://path/nomefile.ovf

ovftool --machineOutput --datastore=Store_01 --network="VM Network" --powerOn file://path/Debian.ovf vi://user:passwordn@ip_esxi/

Spiegazioni sulle opzioni utilizzate all’interno del comando (ho utilizzato le opzioni con il loro nome per esteso in modo renderne subito chiaro il loro significato di utilizzo):

--machineOutput: mostra a video la progresssione dell'elaborazione per l'importazione del file .ovf

--dataStore: specifica il Datastore nel quale caricare la nostra VM

--network: specifica l'etichetta della rete alla quale dovrà essere connessa la nuova VM
           importata (per informazioni sulle reti disponibili sulla vostra ESXi, potete
           utilizzare il comando esxcfg-vswitch  -l , il campo da noi interessato sarà quello
           riportato sotto il "Port Group Name"), a seguire l'esempio:
~ # esxcfg-vswitch  -l
Switch Name      Num Ports   Used Ports  Configured Ports  MTU     Uplinks
vSwitch0         128         9           128               1500    vmnic0

  PortGroup Name        VLAN ID  Used Ports  Uplinks
  Management Network    0        1           vmnic0
  VM Network            0        6           vmnic0

Switch Name      Num Ports   Used Ports  Configured Ports  MTU     Uplinks
vSwitch1         128         2           128               1500

  PortGroup Name        VLAN ID  Used Ports  Uplinks
  VMNetwork2            0        0
  VMkernel2             0        1

--powerOn : terminata l'importazione viene effettuato il powerOn della VM

file://path/Debian.ovf : file .ovf : path locale ove risiede il nostro file

vi://user:password@ip_esxi/ : il nostro server ESXi, precisamente la VM sarà creata nella

directory principale del nostro Inventory è possibile anche

crearla in un determinato "Resource Pool".
questo sarà l’output sullo nostro standard output:

Progress: 0
Progress: 1
Progress: 2
.
.
.
Progerre  97
Progress: 98
Progress: 99
Progress: 100
Target ID: vim.VirtualMachine:304

così si completa il processo di importazione della VM, se controllate il vostro Inventory o all’interno del path vmfs/volumes/vostro_datastore/ troverete la cartella contente i file della vostra VM.

Close
Entra in contatto con altri professionisti ICT, seguici su Facebook e Twitter: