mercoledì, Febbraio 1, 2023

Componenti interni di un router Cisco

Federico Lagnihttps://www.areanetworking.it
Appassionato di innovazione in tutte le sue forme, è fondatore e CEO di AreaNetworking.it, uno dei maggiori punti di riferimento online del settore ICT. E' anche fondatore ed Event Director di alcune importanti conferenze, come Crypto Coinference, la più importante conferenza dedicata alle criptovalute e la blockchain, e il GDPR Day, una conferenza molto verticale dedicata appunto al GDPR ed alla Data Protection. Inoltre, è fondatore e Presidente di Tesla Club Italy, il primo club Tesla italiano e tra i primissimi al mondo. Al tempo stesso, è anche fondatore e CEO di Enerev, la prima azienda italiana specializzata nel noleggio a breve termine di auto Tesla, nonché società di formazione e di riferimento per diverse soluzioni dedicate alla mobilità elettrica. Partecipa ad eventi e conferenze come speaker e formatore.

[toc style=”margin-top:5px”]

Componenti interni di un router Cisco

RAM/DRAM

Nella memoria RAM è presente l’attuale configurazione e riserva anche l’ARP cache, fast-switching cache, il buffer occupato dai pacchetti e le tabelle di routing. Il contenuto della RAM si perde allo spegnimento o reboot del router.

NVRAM

Not Volatile Ram. Vi è presente la configurazione di startup/backup, che al contrario di quello che succede nella RAM, questa non viene persa in caso di spegnimento o reboot del router.

Esempio.

Se cambiamo l’indirizzo IP del router, il nuovo IP è salvato nella memoria RAM, quindi solo momentaneamente (memoria volatile). Se infatti si spegne il router, al riavvio ritroveremo il vecchio IP. Questo perchè non abbiamo salvato la configurazione nella memoria NVRAM.

Se voglio salvarla, digito da prompt privilegiato copy running-config startup-config.

Esempio:

router>en
Password: ******
router#conf t
Enter configuration commands, one per line. End with CNTL/Z.
router(config)#

Attualmente l’IP della interfaccia ethernet 0/0 è 192.168.0.4 e supponiamo di volerlo cambiare in 192.168.0.5:

router(config)#interface ethernet 0/0
router(config)#ip address 192.168.0.5 255.255.255.0
routerconfig)#end
router#

Copiamo ora l’attuale configurazione nella configurazione di startup:

router#copy running-config startup-config
Destination filename [startup-config]? (Invio)
Building configuration...
[OK]
router#

Facciamo un reload del router:

#reload

Dopo il suo riavvio possiamo notare che le impostazioni sono state salvate. Possiamo pingare l’IP 192.168.0.5 per verificare che sia stato cambiato oppure direttamente dal router:

#sh int ethernet 0/0
Ethernet0/0 is up, line protocol is up
Hardware is AmdFE, address is 000b.5faa.60a0 (bia 000b.5faa.60a0)
Description: Eth
Internet address is 192.168.0.5/24

Notiamo appunto che l’IP della nostra interfaccia ethernet 0/0 è 192.168.0.5

Flash

E’ la memoria permanente, contiene l’IOS (Internetworking Operating System). Può contenere molteplici versioni di IOS.

ROM

Memoria contenente il software di diagnostica e quello di bootstrap (appunto necessario per il boot). Per l’aggiornamento di questa memoria è necessaria la rimozione e la sostituzione dei chip dalla CPU.

Auxiliary

Porta asincrona utilizzata prevalentemente per configurazione remota e il collegamento di ulteriori periferiche.

Console

Porta anch’essa asincrona usata per il collegamento dal router alla porta seriale del nostro pc.

Interfaces

Sono le varie interfacce connesse fisicamente alla scheda madre del router oppure sono vere e proprie WIC (moduli) attraverso le quali i pacchetti entrano ed escono dal router.

Articoli correlati

Conosciamo LAB4INT, l’associazione per approfondire le Scienze Forensi ed Investigative

AreaNetworking.it ha intervistato LAB4INT Aps, associazione culturale senza scopo di lucro che svolge attività di studio, formazione, prevenzione e intervento in ambito investigativo, giuridico,...

Digital Transformation


 

Noleggia una Tesla per il tuo evento ICT!

Categorie