giovedì, Ottobre 28, 2021

Telecom Italia e Trenitalia: banda larga in treno

Federico Lagnihttps://www.areanetworking.it
Appassionato di innovazione in tutte le sue forme, è fondatore e CEO di AreaNetworking.it, uno dei maggiori punti di riferimento online del settore ICT. E' anche fondatore ed Event Director di alcune importanti conferenze, come Crypto Coinference, la più importante conferenza dedicata alle criptovalute e la blockchain, e il GDPR Day, una conferenza molto verticale dedicata appunto al GDPR ed alla Data Protection. Inoltre, è fondatore e Presidente di Tesla Club Italy, il primo club Tesla italiano e tra i primissimi al mondo. Al tempo stesso, è anche fondatore e CEO di Enerev, la prima azienda italiana specializzata nel noleggio a breve termine di auto Tesla, nonché società di formazione e di riferimento per diverse soluzioni dedicate alla mobilità elettrica. Partecipa ad eventi e conferenze come speaker e formatore.

Ebbene sì, il progetto è proprio questo. Rendere disponibile banda larga nelle linee Freccia Rossa e Freccia Argento di Trenitalia tramite infrastrutture appositamente realizzate. 20 milioni di euro e circa 1 anno di tempo. Questi sono i numeri principali del progetto innovativo.

Ed è vero, è innovazione. Riuscire a lavorare e/o svagarsi finchè si viaggia, senza quindi perdere tempo o decidendolo di passare anche così, è sicuramente interessante e coinvolgente. Peccato, però, che come sopradetto, sia un’iniziativa esclusivamente riservata, per ora, alle due linee TAV che, già di per se, sono selettive.

A livello tecnico, Internet sarà accessibile in treno in due modi: o utilizzando la propria connessione 3G/UMTS, tramite la chiavetta (nella rete ferroviaria verranno posizionate delle celle per potenziare il segnale degli operatori). Alternativa, utilizzare la connettività di rete “locale”, offerta nei vagoni tramite WiFi “interno”.

Ma, questo a parte, ci accorgiamo benissimo che finchè rimaniamo in un contesto italiano, il tutto può essere definito con il termine “innovazione”. Allargando i confini, senza tante pretese, paragonandoci con qualche altro stato europeo, vediamo bene che potremmo definire il progetto come “arrivare a qualcosa dove gli altri sono già arrivati da tempo e in maniera migliore“.

Perchè in maniera migliore, vi chiederete voi? E’ normale, ve lo chiedete ma siete anche in grado di darvi una risposta: migliore perchè vari altri stati industrializzati hanno realizzato questa architettura già da anni. Oltre a questo, migliore anche perchè è un servizio reso completamente in forma gratuita.

Ma non è l’unica motivazione. Guardate l’immagine seguente. Per determinare la qualità di un servizio, si utilizza come criterio anche il fatto che siano presenti caratteristiche ben più importanti?


Secondo me sì.

Articoli correlati

Netwrix acquisisce PolicyPak ed estende la propria offerta con la sicurezza degli endpoint

Netwrix Corporation, fornitore di sicurezza informatica che semplifica la sicurezza dei dati, ha annunciato oggi l'acquisizione di PolicyPak, un produttore di software che aiuta le organizzazioni di...

Seguici!

4,587FansLike
2,185FollowersFollow

Noleggia una Tesla per il tuo evento IT!

Categorie