Fonia, collaborazione e sicurezza con Avaya e Pulse Secure.

Lo sviluppo delle tecnologie e delle infrastrutture ha consentito l’evoluzione del concetto di home working, inteso come remotizzazione della postazione di lavoro presso la propria abitazione, in smart working, ovvero la possibilità di svincolare l’attività lavorativa da uno specifico ambiente.
L’applicazione di questo cambiamento richiede la presenza di diversi elementi che possono essere così schematizzati:
■ disponibilità di infrastrutture di rete veloci, distribuite e sicure;
■ presenza di ambienti cloud sui quali abilitare le applicazioni e migrare i dati;
■ possibilità di svincolare l’accesso alle applicazioni e ai dati da uno specifico device, per consentire di utilizzare il terminale più comodo nella specifica situazione e nello specifico ambiente, sia esso smartphone, tablet, PC, browser, etc., mantenendo inoltre la stessa interfaccia e le stesse modalità di accesso alle informazioni: è questo il concetto “BYOD” (bring your own device), cioè la possibilità di utilizzare il proprio terminale personale in un ambito aziendale;
■ volontà aziendale di adeguare la propria organizzazione al nuovo paradigma operativo.

Ciascun elemento ha esigenze specifiche, tempi e attori diversi: l’esperienza Westcon dice che il primo passo sul quale si sta focalizzando il mercato è legato alla trasformazione delle applicazioni UC dall’ambiente “on premises” all’ambiente “cloud”, con la conseguente richiesta di servizi UCAAS (UC as a Services). In questo ambito Westcon propone ai propri partner e system integrator, con una elevata conoscenza delle problematiche legate all’argomento smart working, le soluzioni Avaya Intelligent Xperiences™, che sono in grado di offrire gli stessi servizi voip, video, presence, collaboration, condivisione di documenti/contenuti, in entrambi gli ambienti, “on premises” e cloud.

Questi servizi non necessitano della presenza di un client dedicato, infatti bastano un qualsiasi device e un browser per la creazione di una video conferenza o l’accesso all’ambiente Avaya IX™ Collaboration per la condivisione di documenti e informazioni con un gruppo di lavoro. Esistono inoltre delle app dedicate alle varie piattaforme mobili (Android, Apple e PC Windows), che aggiungono a questi servizi le funzionalità tipiche degli ambienti tradizionali di IP Telefony e legate alla gestione evoluta delle chiamate.

Per consentire semplicità all’utente nell’usare tutte le applicazioni e accedere ai propri dati sia locali che in cloud, garantendo il pieno controllo e la sicurezza, Westcon propone la soluzione Pulse Secure. Pulse One permette all’amministratore IT di controllare tali accessi attraverso un’unica console di management e definire a cosa un utente può accedere in base alle proprie specifiche di sicurezza. Pulse Workspace, focalizzato sulla parte mobile, è il perfetto container dei dati aziendali i quali possono essere, rapidamente e in totale sicurezza, eliminati dal dispositivo senza toccare quelli personali dei dipendenti. Questi nuovi aspetti devono essere messi in relazione alle tecnologie ormai assodate per lo smart-working come IPsec e SSL VPN, controllo dell’accesso alla rete (NAC) e sicurezza degli endpoint. Pulse Secure, attraverso la sua piattaforma, fornisce una soluzione olistica facile da usare, da implementare e amministrare.

AUTORE: Rosario Blanco, Vendor Commercial Director

FONTE: Data Manager Ottobre 2019