Hybrid cloud: sicurezza e flessibilità per l’infrastruttura aziendale

Gli ambienti cloud ibridi combinano i migliori vantaggi degli ambienti cloud pubblici e privati per raggiungere i più alti livelli di personalizzazione.

1
Letto 2.068 volte
hybrid cloud twt

La maggioranza delle aziende italiane si sta dirigendo verso i sistemi cloud per la gestione delle proprie attività e la messa in sicurezza dei propri dati. Sono le imprese che hanno compreso e scelto tutti i vantaggi del mondo cloud: la velocità, la flessibilità e la scalabilità.

L’ubicazione dei dati e delle applicazioni aziendali nei sistemi cloud è, infatti, un fattore importante per la loro corretta gestione e per il mantenimento della sicurezza informatica. Esistono però diverse tipologie di cloud tra cui ogni azienda può scegliere in base alle proprie esigenze: sono il cloud pubblico, il cloud privato e il cloud ibrido (o hybrid cloud).

Il primo è ideale per la gestione di infrastrutture e dati sia semplici che complesse, ha il vantaggio di essere altamente scalabile, accessibile e di facile implementazione. Si tratta di un servizio messo a disposizione da un soggetto specializzato che si occupa di tutti gli oneri di mantenimento del servizio e dell’infrastruttura fisica. Il termine “pubblico” sta ad indicare che i server fisici dove si trovano le informazioni, le risorse di archiviazione e i dispositivi di rete vengono condivise con altre organizzazioni.

Il cloud privato è invece fisicamente e virtualmente di proprietà dell’azienda, uno spazio hardware totalmente dedicato, conservato all’interno dell’azienda o in un data center specializzato. Questo tipo di architettura richiede un controllo avanzato sul proprio ambiente ed è quindi la soluzione ideale per la gestione di sistemi e dati particolari e sensibili (ad es. viene utilizzato da istituti finanziari, assicurativi, ecc.).

Il cloud ibrido, invece, è una soluzione che consente il più alto livello di personalizzazione fra diversi ambienti cloud, spesso intermedia fra privato e pubblico. Si tratta di un ecosistema che unisce i migliori vantaggi delle diverse soluzioni ed è ideale per le aziende che necessitano di un’architettura IT flessibile per la gestione di dati più e meno critici secondo livelli di priorità e di personalizzazione diversi.

L’hybrid cloud è, in sostanza, la combinazione di ambienti cloud separati ma connessi, tra cui è possibile muoversi con agilità grazie alle API (Application Programming Interface) o ai software di gestione che consentono di integrare e utilizzare le risorse con tutta la facilità delle piattaforme online, secondo le esigenze più disparate e adempiendo alle policy aziendali e alle normative in materia di sicurezza dei dati (ad es. GDPR).

È infatti possibile alternare in qualsiasi momento le modalità di servizio, attingendo tra ambiente pubblico e privato in base alle necessità e progettare una combinazione cloud ideale che determini una virtualizzazione dei servizi consapevole e gerarchica, al fine di un efficientamento dei sistemi.

TWT offre soluzioni di Hybrid Cloud ideali per l’archiviazione e l’elaborazione delle risorse, oltre che per la virtualizzazione di server e desktop. Queste soluzioni sono arricchite dall’assistenza esperta dei tecnici TWT e dalle massime certificazioni in materia di qualità e sicurezza: ISO 9001 e ISO 27001.

Richiedi una consulenza gratuita agli esperti TWT >>