martedì, Dicembre 6, 2022

IPv6 Day 2012: ora si fa sul serio

Federico Lagnihttps://www.areanetworking.it
Appassionato di innovazione in tutte le sue forme, è fondatore e CEO di AreaNetworking.it, uno dei maggiori punti di riferimento online del settore ICT. E' anche fondatore ed Event Director di alcune importanti conferenze, come Crypto Coinference, la più importante conferenza dedicata alle criptovalute e la blockchain, e il GDPR Day, una conferenza molto verticale dedicata appunto al GDPR ed alla Data Protection. Inoltre, è fondatore e Presidente di Tesla Club Italy, il primo club Tesla italiano e tra i primissimi al mondo. Al tempo stesso, è anche fondatore e CEO di Enerev, la prima azienda italiana specializzata nel noleggio a breve termine di auto Tesla, nonché società di formazione e di riferimento per diverse soluzioni dedicate alla mobilità elettrica. Partecipa ad eventi e conferenze come speaker e formatore.

Potrebbe sembrare il classico slogan ma “Ora si fa sul serio” questa volta è molto più che una promessa. Voi, nostro pubblico di AreaNetworking.it, lo sapete benissimo: da anni, anni e ancora tanti anni si parla di IPv6. Troppi anni. Ironicamente verrebbe quasi da dire che IPv6 sia un’invenzione italiana, se così si può definire.

In questi anni molte sono state le azioni mediatiche per cercare di promuovere IPv6 che di per sé avrebbe ben pochi motivi per essere promosso, dal momento in cui è una necessità oggettiva e non un optional implementabile a scelta di qualcuno. In ogni caso si può dire che per raggruppare questi sforzi, e per darne enfasi, si ha pensato di istituire l’IPv6 Day, la “festa” che si celebra proprio oggi.

In questo giorno infatti moltissimi ISP e produttori di apparati per il networking considereranno ufficialmente abilitato IPv6. Ovviamente IPv4 continuerà a funzionare (dual stack), anche se forse una forzatina in tal senso farebbe soltanto che bene.

Molti i big coinvolti: Google, Facebook, Bing e Yahoo! sono i siti che già hanno abilitato IPv6. Cisco e D-Link per quanto riguarda gli apparati di rete. AT&T, Comcast, Free Telecom, Internode, KDDI, Time Warner Cable, XS4ALL invece gli operatori.

La battuta iniziale comunque sull’Italia ci sta eccome: nella lista degli operatori con IPv6 attivo di default da oggi non c’è nessun operatore italiano. Strano ma vero? No, verrebbe da dire vero e basta.

Tante altre informazioni sul sito ufficiale dell’evento.

Vi proponiamo anche questo video ben fatto:

Articoli correlati

Il Digital Divide è ancora attualità

Cosa si intende per Digital Divide? È letteralmente una “separazione digitale”, quindi una condizione che si verifica tra chi ha accesso alle tecnologie digitali e...

Digital Transformation


 

Noleggia una Tesla per il tuo evento ICT!

Categorie